Cambiamenti Climatici

Il piano di Bilancio Idrico

L’Osservatorio

La regione del Mediterraneo è una delle aree più vulnerabili d’Europa, si prevede che essa dovrà far fronte ad impatti particolarmente negativi conseguenti ai cambiamenti climatici: innalzamento eccezionale delle temperature medie e massime (soprattutto in estate), aumento della frequenza di eventi meteorologici estremi (ondate di calore, siccità ed episodi di precipitazioni piovose intense), riduzione delle precipitazioni annuali medie e dei flussi fluviali, con conseguente possibile calo della produttività agricola e perdita di ecosistemi naturali. Il percorso strategico per affrontare tale problema è stato delineato nel “Libro verde della Commissione sull’adattamento ai cambiamenti climatici in Europa: quali possibilità di intervento per l’UE” del 29 giugno 2007, seguito dal Libro Bianco “L’adattamento ai cambiamenti climatici: verso un quadro d’azione europeo”. Il 16 giugno 2015 è stata adottato e approvato il documento per la “Strategia Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici” e nel 2017 è stata predisposta per la consultazione pubblica la proposta di Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici.

E’ in questo quadro  e nelle più recenti direttive europee che si inseriscono diverse azioni strategiche poste in essere dal nostro Ente che  riguardano:

  • il monitoraggio;
  • il ripristino e il potenziamento del presidio territoriale;
  • l’adattamento attraverso interventi strutturali e non strutturali;
  • l’adattamento nella gestione degli invasi artificiali

Per il distretto padano sono individuate inoltre specifiche azioni fra le quali assumono particolare rilevanza il potenziamento delle azioni di governance ed il rafforzamento della resilienza del sistema per affrontare le criticità.

Climate Change e rischio di alluvione

Il Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni (PGRA) può contribuire, in maniera operativa, a favorire l’adattamento del territorio e delle popolazioni ai cambiamenti climatici per quanto riguarda il rischio di alluvioni, con particolare riguardo alle aree costiere adriatiche e alle aree metropolitane sulla base delle conoscenze già ad oggi disponibili e in applicazione dei principi di prudenza e precauzione.

Climate Change e bilancio idrico

La tematica del cambiamento climatico risulta essere particolarmente rilevante nell’ambito del Piano di Bilancio Idrico in quanto, la maggior parte degli scenari analizzati, prevede una riduzione della disponibilità idrica, in particolare nei mesi estivi, determinando una priorità nell’individuare azioni e misure finalizzate al riequilibrio del bilancio idrico, all’incremento dell’efficienza degli usi e all’aumento della resilienza agli eventi siccitosi.

Nelle aree di pianura, per le quali è piuttosto chiaro un segnale di riduzione delle precipitazioni estive inoltre tutti i modelli climatici considerati prevedono un aumento della temperatura compreso tra 2°C e 4°C

 

MAPPA STRUMENTI

Idrometri

Pluviometri

Termometri

Misuratori di livello in prossimità Dighe

climate change

Un’approfondimento al tema

Articoli categoria Cambiamenti Climatici

Piano di Gestione delle Siccità – SiccIDROMETRO

Piano di Gestione delle Siccità – SiccIDROMETRO

Inquadramento climatico e riserve idriche - Rappresentazione del sistema irriguo - Rappresentazione delle criticità - Definizione di azioni di mitigazione degli impatti e di misure gestionali e strutturali per l’adattamento ai cambiamenti climatici Questi sono i...

Il Piemonte allontana lo spettro siccità, l’Emilia-Romagna no

Il Piemonte allontana lo spettro siccità, l’Emilia-Romagna no

Distretto del Po ancora diviso in due anche dopo le recenti piogge: recupero al nord, siccità permane a sud del Grande Fiume. Grandi laghi alpini pieni e possibili precipitazioni in arrivo 20 Luglio 2021 – Le recenti precipitazioni cadute sul distretto del fiume Po in...

Fiume Po, carenza idrica con portate in picchiata del -30%

Fiume Po, carenza idrica con portate in picchiata del -30%

Precipitazioni sotto la media da inizio anno generano una situazione di evidente stress idrico anche in numerosi sottobacini: Basso Piemonte (Vercellese), Romagna e Delta (Ferrara, Rovigo). In Lombardia solo nell’ultima settimana la riserva idrica è calata rapidamente...